Greta Thunberg: “falsetto” politico?

Enel? Le truffe dietro lo smartphone
30 Maggio 2019
Alitalia: per salvarla pagheremo tutti in più nelle bollette
5 Giugno 2019

Greta Thunberg: “falsetto” politico?

Giovani e Ambiente: quanto è reale il loro interessamento?

In Polonia alla scorsa conferenza sul clima a dicembre 2018, Greta Thunberg (la ragazza pro-clima dalle trecce) ha affermato a gran voce:

“dite di amare i vostri figli più di ogni altra cosa, invece rubate il loro futuro proprio davanti ai loro occhi!”

Tante le emulazioni. Se n’è dedotto che i giovani stanno cominciando a pensare al loro futuro e si dicono pronti a cambiarlo, cambiando i propri stili di vita. Sono pronti a colpevolizzare la generazione dei loro nonni e genitori per riprendersi un Ambiente più pulito. Sarà proprio così?

Sono preoccupati per l’intero pianeta, ma nei paesi in cui quotidianamente vivono come si comportano? Troppo spesso capita di vedere sui marciapiedi, per strada, in spiaggia, rifiuti gettati da consumatori superficiali.

Una stragrande maggioranza di giovani è convinta che l’impegno necessario al ravvedimento sia inutile. La tendenza fortunatamente sta iniziando a prendere piede tra molti altri ‘teenagers’.

Portali tematici, manifestazioni, come di recente il #FridaysforFuture , non fanno altro che concretamente sensibilizzare il consumatore giovane e non, al problema.
Che sia una adolescente senza o con secondi fini ad ‘highlight’ la necessità di intervenire e subito, resta ciò nonostante un’euforica provocazione, certamente discutibile se manifestata con scioperi scolastici sorridente segno inconfondibile della necessità di protagonismo di queste nuove generazioni. Di riflesso vi è una inconscia sensibilizzazione mondiale del singolo individuo a consumi più responsabili, con gesti semplici, quotidiani e perseverati.

Il ruolo dell’istituzione scolastica diviene determinante: educare all’eco-sostenibilità i giovani di ogni ordine e grado. Saranno le nuove generazioni a “formare” le famiglie, questo è il nostro auspicio.

Riflettiamo: solo alcuni di noi possono fare da differenza? e perché dovremmo cambiare i nostri gesti quotidiani se gli altri non lo fanno? “Alcuni di noi” portato altri ad avere gli stessi riguardi per l’ambiente che noi mostriamo di avere (pensiamo ai nostri figli e nipoti) segno di responsabilità sociale e di reciproca convivenza sul Territorio. Confidiamo sia superfluo affermare che non si tratta solo di una questione di forma o di buon costume: gettare i rifiuti sulle spiagge, per esempio, non solo deturpa il nostro territorio e ne declina l’ospitalità, danneggia gravemente l’Ambiente e, quindi inevitabilmente, gli esseri animali e vegetali, e l’Uomo artefice consapevole dei suoi mali!

Nessun insegnamento vale quanto l’esempio.” (cit. Robert Baden-Powell)

Autore – Perito, Antonella Vinella

02 Giugno 2019

 

Iscriviti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: